FABBRIZIOLI M.& F. Rimini


MARCA: Fabbrizioli Mario e F.gli – Rimini
MATRICOLA: 608  Mod.: BOSS Grado A
CALIBRO: 12  (18,4) (18,4)
LUNGHEZZA CANNE: cm. 70 – Kg. 1,400
STROZZATURA 1°CANNA: 3,5/10 (18,05) 
STROZZATURA 2° CANNA: 7/10 (17,7)
CAMERA SCOPPIO: mm. 70
LUNGHEZZA CALCIO: cm. 37 Dx
PESO: Kg. 3,400
ANNO FABBRICAZIONE: 1993
NOTE PARTICOLARI: Canne demibloc, bindella piana totalmente incisa, chiusura tipo Boss, acciarini molla indietro estraibili a mano, estrattori automatici, monogrillo inerziale.
Calcio a pistola in radica grado esibizione, incisione rose and scroll di Natale Fabbrizioli.

Mario Fabbrizioli era di Macerata Feltria, come il coetaneo Rodolfo Cosmi. Aria buona (per far fucili) da quelle parti!
Verso il 1930 si trasferì a Rimini e insegnò il mestiere ai  figli Federico, Celio e Natale.

L’opera prediletta dai Fabbrizioli, Il sovrapposto, realizzata nella versione con ramponi laterali, la più impegnativa, amorevolmente incisa da Natale. Un seminascosto piccolo punzone afferma: GR A.
Con tre sole lettere scritte sull’acciaio, Celio e Natale ci hanno dato la migliore descrizione possibile di questo capolavoro.


6 Risposte

  1. Remo ha detto:

    Gentile sig.Mario,
    essendo possessore di una delle opere di prestigio che i figli di Mario Fabbrizioli, Celio, Natale e Federico costruirono, gradirei sapere se fosse possibile avere un recapito mediante il quale contattarla per alcune informazioni.
    Distinti saluti,
    Remo Leoni

  2. steni ha detto:

    Caro Sig. Mario
    lei, che appartiene a famiglia di artisti, ha saputo illuminare con due pennellate, (sicuro ed amorevole), il ritratto di suo babbo. Lo abbiamo conosciuto e ci ha affascinato con racconti di fucili e strumenti musicali.
    Per quanto riguarda il rimpianto cocente di non aver continuato l’opera di famiglia, pur non essendo figli d’arte comprendiamo le sue forti pulsioni. Lei già tanto abile da saper ricavare dal pieno le parti del fucile e l’arte dell’incisione appresa da sua sorella Nene……

    Allo stesso tempo, siamo stati spettatori del declino inarrestabile della doppietta romagnola, travolta dall’industria e dall’avvento di una nuova generazione di “cacciatori” affascinati dal semiautomatico-mitragliatore e dal sovrapposto economico fabbricato a macchina. Anche il suo conterraneo Nerio Cortesi, dopo aver tanto resistito, ha dovuto arrendersi.
    A sua, e nostra, consolazione restano i magnifici fucili usciti dal vostro laboratorio.
    Ci rammarichiamo di non avere avuto l’occasione d’incontrarla e la ringraziamo per il suo intervento che ci suggerisce di completare con il suo nome l’albero genealogico degli armaioli Fabbrizioli, qualora lo ritenga giusto e ci autorizzi.
    Steni, Paolo e Piero.

  3. MarioF ha detto:

    Salve, sono Mario Fabbrizioli figlio di Natale.
    Mi ricordo la costruzione del fucile, tutte le parti in acciaio le sgrossai io partendo da un tondo di acciaio NG40 comprato a Ravenna dove di norma veniva utilizzato per gli assi delle trivelle petrolifere.
    Fresai la bascula, l’astina, tutte le parti degli acciarini e degli estrattori, sotto la sicura ed amorevole guida di mio padre, ancora conservo due bascule grezze e tante altre parti per fucili mai finiti che avrebbero dovuto essere identici a quello sopra. Dopo la laurea in matematica non trovando posto per l’insegnamento lavorai per dieci anni nella bottega paterna. …Purtroppo negli anni 90 feci un concorso per programmatore e lo vinsi… E così abbandonai la bottega… Questo fu un mio grave errore…

  4. steni ha detto:

    Salve Felix, grazie per i tuoi commenti.
    Nel sito: armiusate.it – qualche volta vedo dei Fabbrizioli in vendita; potresti guardare ed eventualmente iniziare una trattativa con il venditore.
    Non si sa mai… A volte potrebbe presentarsi l’occasione per acquisire il fucile che desideri.
    Un caro saluto.
    Steni

  5. Felix ha detto:

    Un’arma stupenda, come oggi non se ne costruiscono quasi più, se non su stretto ordine di qualche assai danaroso cliente. Spiace però che la tradizione dei fucili da caccia romagnoli sia quasi scomparsa, l’unico rimasto in attività credo sia Mauro Battaglia di Ravenna, costruttore di fucili solo su ordinazione, armi stupende fabbricate in quanto a materiali e lavorazione senza alcuna economia o compromesso, con prestazioni ovviamente al top della categoria e naturalmente prezzi adeguati alla qualità dell’arma, quindi purtroppo non certo alla portata di tutte le tasche.

  6. Felix ha detto:

    Mi piacerebbe trovare un fucile dei F.lli Fabbrizioli a Rimini, dove possiedo una casa, abitando a Milano. Purtroppo, complice la vicina S. Marino dove l’I.V.A. ed i prezzi sono inferiori credo che a Rimini non vi siano ormai più armerie in attività, mentre nella Repubblica del Titano ve ne sono ben 5 o 6. La più vicina a Rimini si trova a Savignano sul Rubicone, circa 15 Km. verso Cesena. Un vero peccato in quanto a Rimini vi è una bella sezione di T.S.N., inoltre gli appassionati del settore non mancano certo. Oggi purtroppo stante la situazione della caccia in Italia e la sempre più restrittiva legislazione in merito purtroppo il settore armi è in continuo declino, soprattutto quelle destinate al campo venatorio, ultima quella dei “pallini d’acciaio” non certo sparabili dai fucili più datati o dalle vecchie, carissime doppiette spesso ereditate da nonni o padri.

La tua opinione su questa arma

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

The maximum upload file size: 300 MB. You can upload: image, audio, video, document, spreadsheet, interactive, text, archive, code, other. Links to YouTube, Facebook, Twitter and other services inserted in the comment text will be automatically embedded. Drop file here